RIUNIONE PLENARIA 18 MARZO 2016

Relazione del presidente riunione plenaria tenutasi il 18 Marzo 2016

Un saluto a tutti dal direttivo e dai volontari attivi della sezione che vi ringraziano per aver partecipato alla riunione plenaria di quest’anno, importante momento di incontro con i tesserati nel quale la Sezione rende conto delle attività dell’anno trascorso e discute con voi il programma per l’anno 2016.

Iniziamo illustrando il rendiconto dell’anno 2015 e le attività svolte; dopo aver approvato il rendiconto da inviare al nazionale discuteremo insieme su possibili proposte che pensate possano giovare alla nostra causa.

Passiamo ora ad illustrare le attività svolte nel 2015 e quelle che abbiamo in programma per il 2016:

  1. Il tesseramento è stato implementato, siamo infatti passati dai 322 soci dell’anno 2014, ai 371 del 2015, con ben 78 nuove tessere. Questo risultato è stato raggiunto anche grazie al vostro aiuto, che con il passaparola avete fatto conoscere la nostra associazione e raccolto nuovi sostenitori. Come sempre speriamo in futuro di mantenere ed implementare l’importante sostegno dei privati che rappresenta per la nostra sezione una base sicura di sostegno.
  2. I cani affidati sono stati 91 a fronte di un ingresso di 95 cani. È diminuito il numero dei cani in entrata e speriamo che questa tendenza si confermi anche nel presente anno. Dei 95 cani in ingresso 45 erano cuccioli, per fortuna i cuccioli riescono a trovare quasi sempre una sistemazione, ma le cucciolate in arrivo continuano a rappresentare quasi la metà degli ingressi, segno di una difficile diffusione dell’idea della sterilizzazione e della prevenzione nel nostro territorio e comunque rappresentano un  significativo problema per il rifugio sia a livello gestionale, sia perché tolgono le già scarse possibilità di affido per i cani adulti presenti. Continuiamo ad utilizzare il nostro sito internet, il gruppo e la pagina facebook, gli annunci sui giornali locali e varie altre attività di sensibilizzazione, come gli stand nei mercati settimanali per implementare le adozioni dei nostri ospiti.  A questo proposito, tanti di voi hanno adottato pressoi l nostro rifugio, pensiamo che non c’è niente di meglio per richiamare possibili adottanti del passaparola, del raccontare la vostra storia e la vostra esperienza dell’adozione di un randagio, che sappiamo nella maggior parte dei casi essere estremamente positiva ed appagante.                                   I cani deceduti sono stati 29, la maggior parte deceduti per anzianità.
  3. Come ormai da molti anni, anche nel 2015 abbiamo aiutato ed aiutiamo in vario modo persone in difficoltà, fornendo alimenti per cani e gatti e spesso anche per i proprietari. Continuiamo ad inviare carichi di mangime alla signora Romano di Campitello Sannitico e una tantum prevediamo donazioni ad associazioni animaliste che operano con difficoltà.
  4. È proseguita la ristrutturazione della parte a valle del vecchio rifugio con 9 nuovi box risistemati ed è stato costruito un impianto di smaltimento dei rifiuti solidi e un box di prima accoglienza e isolamento destinato esclusivamente ai cuccioli, dotato anch’esso di pedane termiche.
  5. I box di Castelraimondo, continuano ad essere usati per percorsi di educazione dei cani più giovani e più facilmente adottabili. Alcuni volontari si impegnano ad andare il pomeriggio per portare i cani fuori in passeggiata e insegnare loro l’uso del guinzaglio e le regole di una buona educazione di base.
  6. Anche quest’anno è stato attivato il progetto di alternanza scuola lavoro con il liceo di Camerino, con la partecipazione di una nuova ragazza. Due volte a settimana le due ragazze e le loro educatrice vengono al rifugio e portano fuori i cani o aiutano in semplici lavori di pulizia.
  7. Abbiamo stipulato una convenzione con il comune di Matelica per la gestione della zona di sgambamento dei cani costruita dal Comune nel 2014, ci piacerebbe utilizzare tale spazio per creare momenti di incontro e organizzare manifestazioni cinofile.

Per quanto riguarda l’anno da poco iniziato, abbiamo in programma di:

  1. Continuare con i lavori di risistemazione della parte vecchia del rifugio. Oramai il perimetro della parte a valle è quasi completamente ristrutturato, mancano solo due box delle parte in fondo. Dovremo decidere come utilizzare lo spazio centrale dove ancora ci sono i vecchi box, abbiamo idee discordanti in merito e magari un vostro consiglio potrebbe essere prezioso per decidere.
  2. Vorremmo continuare e potenziare con le scuole gli incontri con gli studenti sul tema della cinofilia e del randagismo.
  3. Il programma di lotta e prevenzione del randagismo di cui avevamo iniziato a discutere lo scorso anno ha subito un arresto, ma abbiamo iniziato a coinvolgere l’Asur, i medici veterinari liberi professionisti, l’Ospedale veterinario di Matelica su questa idea e rimane comunque uno degli obiettivi da continuare a perseguire, perché siamo convinti che senza una buona politica di prevenzione e sensibilizzazione il problema del randagismo non potrà essere arginato.
  4. Siamo stati coinvolti dalla regione con le altre associazioni animaliste per la revisione e il miglioramento della legge regionale 10/97 in materia di tutela animali e vorremmo partecipare al tavolo di lavoro come associazione storica e rappresentativa della realtà dell’entroterra. Inoltre ci hanno invitato a partecipare ad un convegno che le associazioni animaliste terranno in collaborazione con Asur e Comuni sul problema del randagismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...